SIGNIFICATO ESOTERICO DELLO Specchio – Nico Rota

 

 

 

Non hai bisogno
di vedere l’intera scalinata.
Inizia semplicemente
a salire il primo gradino.
Martin Luther King http://www.mondi.it/almanacco

La ricerca scientifica moderna in generale, e la ricerca di base in particolare, si avvicina sempre più alla Scienza Tradizionale, pur ciascuna scienza con i propri mezzi:
l’una, con metodo Induttivo/ Deduttivo, l’altra, con il metodo Analogico.
In un vecchio articolo di Fernando de Felice, sulla rivista “Le Scienze”, dal titolo “Buchi neri e universi paralleli” si afferma:
“Le equazioni della relatività Einsteniana ammettono soluzioni compatibili con l’esistenza di universi paralleli, tra i quali l’informazione fluisce attraverso cunicoli spazio-temporali”.
Ebbene, la Scienza Tradizionale, partendo da quella Egizia, afferma che esistono stati dell’essere “sottili” oltre a quello fisico. In particolare parla dell’esistenza del SEKET HOTEP e del SEKET YARU, che noi traduciamo abbastanza impropriamente: Astrale Nero ed Astrale Bianco.
La particolarità, che si evince solo in campo esoterico, è che questi stati sottili si rapportano a quello spesso (fisico), in modo speculare.
L’articolo prosegue:
“… è possibile supporre che il nostro universo sia solo uno dei tanti universi creatisi come bolle in un substrato cosmico primordiale, ognuno con condizioni fisiche del tutto casuali. Nel nostro universo queste condizioni si sono rivelate compatibili con la vita come noi la conosciamo”.
Il passaggio nell’Astrale Nero e nell’Astrale Bianco, è ipotizzato anche con il Corpo Fisico in vita, utilizzando particolari tecniche, come quelle descritte, in chiave criptica, da Dante 4 Alighieri, nella Divina Commedia. Alice va nel Paese che non c’è, entrando in uno specchio.
La Regina di Biancaneve, parla con il Genio che vive dentro lo Specchio.
Il Conte Dracula non può specchiarsi perché è già nello specchio.
La Nigredo e l’Albedo alchemiche preconizzano tali esperienze.
L’Iniziato cerca la Luce, vivendo la propria esperienza palingenetica nel Buio, attraversando progressivamente i quattro elementi, terra, acqua, aria e fuoco.
La struttura microscopica dello spazio/tempo è caratterizzata da fluttuazioni quantistiche della geometria. E’ possibile che esse si manifestino come una distribuzione casuale di cunicoli attraverso i quali l’informazione può filtrare Da e Per regioni distinte dell’universo.
L’articolista chiude con una domanda:
“Può essere che noi riceviamo da universi paralleli o da regioni distanti del nostro stesso universo, informazioni e stimoli di cui ancora non abbiamo conoscenza? “.
L’Iniziato nel suo incessante cammino verso la Conoscenza, può, di volta in volta, in particolari condizioni, ricevere messaggi al di là dello specchio, messaggi che comunque dovrebbero partire dal proprio impianto scheletrico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...